venerdì 21 maggio 2010

opera collettiva
















Mentre le terre modellate da artisti, artigiani e altri spiriti creativi cuocevano in un forno primitivo costruito in giornata nel cortile d'onore di una ex-caserma, ognuno di noi lasciava un segno su un grande pannello d'argilla. Le mie tracce insieme a decine di altre sono ora in questo grande quadro collettivo.


Come in un'antica cerimonia, la legna bruciava, il fuoco cuoceva le terre a più di 800°C in un forno le cui pareti erano fatte di tessuto, carta e argilla. Era il settembre 2009 a Saluzzo.







Nessun commento:

Posta un commento